Istituto – Cenni storici

Dall’intuizione carismatica di don Luca Passi, a garanzia della continuità della Pia Opera, sorsero le Congregazioni delle Suore Maestre di S. Dorotea.

 

  • 1842

    20140504_105722

    La storia dell’Istituto delle Suore di di Cemmo ha le sue radici in quelle delle Suore Maestre di S.Dorotea di Venezia, presso le quali Annunciata Cocchetti vive il noviziato.

    Il 9 ottobre Madre Annunciata Cocchetti ritorna a Cemmo con altre due suore e dà vita alla prima comunità religiosa. Per i primi anni  l’Istituto vive affiliato a quello delle Suore Dorotee di Venezia.

  • 1846

    entrata Un incendio danneggia gravemente la casa di Cemmo che deve essere ristrutturata. Sviluppo della Pia Opera di Santa Dorotea nei paesi circonvicini a Cemmo

  • 1853

    20140504_105344 (480x640) Si apre il primo noviziato a Cemmo. Inaugurazione della cappella dedicata a S. Dorotea e a S. Angela Merici, protettrici dell'Istituto.  

  • 1866

    dimaro  Dopo la morte di don Luca Passi, nel 1866, il Vescovo di Brescia, mons. Girolamo Verzeri, vuole    l’Istituto delle Suore Dorotee di Cemmo autonomo da Venezia e alle sue dirette dipendenze. Incomincia in questo periodo la battaglia per difendere l’istituto dalle leggi eversive degli ordini religiosi, promulgate dal Regno di Italia da poco costituito.

  • 1882

    20140504_111240il 23 Marzo, dopo una breve malattia, muore Madre Annunciata. Le sue ultime parole sono il suo testamento spirituale: " Io muoio; sia fatta la volontà di Dio. Voi restate ancora; amatevi da buone sorelle, compatitevi reciprocamente, vivete tranquille e concordi nell'osservanza della Regola, fatevi sante operando molto bene nelle giovani a voi affidate. Ricevete di buon grado la superiora che dopo la mia morte vi verrà data e obbeditele volentieri".

  • 1934

    20140504_110848 L’Istituto ottiene l’approvazione pontificia. Segue un periodo di forte crescita ed espansione e si apre la prima casa a Brescia, con piccolo pensionato   per le studenti. Nel 1942 le suore sono presenti a  Roma e quindi a Milano. Altre comunità iniziano la loro attività in vari paesi, con insegnamento ed impegno apostolico nelle parrocchie.

  • 1962

    isIn risposta all’appello di Giovanni XXIII per l’America Latina, partono le prime sei suore per l’Argentina.

  • 1967

    20140824_074828 (640x480)L’Istituto si fa presente in Inghilterra (Londra e Nottingham). L'opera di animazione spirituale, iniziata in casa d'affitto, si trasferisce nell'edificio fatto costruire dall'Istituto in Via S. Emiliano, 30 A Brescia: è il centro Mater Divinae Gratiae

  • 1972

    20130329_165049 Partono le prime missionarie per l’Africa (Burundi).      

  • 1973

    mater ecclesiae Si inizia la costruzione della casa di spiritualità Mater ecclesiae in Roma, e Casa Angeli, l'infermeria a Brescia

  • 1974

    Si apre il noviziato in America Latina

  • 1976

    20140824_075131 (640x480) Casa Angeli, l'infermeria, è trasferita a Brescia. Apertura della casa di spiritualità Mater Ecclesiae in Roma

  • 1978

    Inizia lo studio della causa di beatificazione di Madre Annunciata Ccoc3occhetti

  • 1985

    Apertura in Uruguay e in Zaire (Repubblica Democratica del Congo)

  • 1989

    20140504_111240 E' promulgato il Decreto sull'eroicità delle virtù di Madre Annunciata, dichiarata venerabile. E' approvato il miracolo.

  • 1991

    cocchettiatrio Il 21 Aprile Madre Annunciata Cocchetti è dichiarata Beata.   Inaugurazione del Centro Asteria a Milano asteria  

  • 1994

    Apertura del Centro Culturale Annunciata Cocchetti a Cemmo

  • 1996

    Apertura del noviziato in Brasile. Apertura a Yaounde della casa di formazione per le aspiranti, le novizie e le juniores che hanno dovuto lasciare la Repubblica democratica del Congo a causa della guerra.

  • 2005

    Il Vescovo di Brescia riconosce ufficialmente la CLAC, Compagnia Laicale Annunciata Cocchetti

  • oggi