La Casa Beata Annunciata Cocchetti

logo_casa_beata

LA STORIA
Nel 1817, per iniziativa di pie persone, viene adibito un caseggiato, con adiacenze in contrada Palazzi a Cemmo, per accogliere un istituto educativo per ragazze e giovani.
Erminia Panzerini anticipa una somma per avviare i lavori di restauro e di adattamento necessari. Nel corso del 1821 l’attività didattica ha inizio, anche se in modo un po’ precario.
L’arrivo di Annunciata Cocchetti nel 1831 e il suo ottimo inserimento nella realtà di Cemmo, come insegnante ed educatrice a fianco di Erminia Panzerini, porta alla cessione dell’intera proprietà da parte di Vincenzo Panzerini dell’Istituto di Cemmo a Erminia e ad Annunciata.cocchettiatrio
La proprietà è costituita dal convento, ossia la casa di abitazione, con adiacenze di orto e brolo contigui alla casa. Nel 1842 muore pressoché improvvisamente Erminia Panzerini lasciando erede universale Annunciata Cocchetti. Nello stesso anno, il 9 ottobre, dopo un breve noviziato a Venezia, Annunciata Cocchetti torna a Cemmo come suora Dorotea e durante i successivi dieci anni, la casa di Cemmo diventa una Casa Religiosa affiliata all’Istituto delle Suore di S. Dorotea di Venezia.

Nel 1853 si apre il Noviziato a Cemmo. Precedentemente, nell’anno 1846, un incendio aveva distrutto buona parte dell’edificio. Ciò richiese molto lavoro e molti sacrifici. A ricostruzione avvenuta M. Annunciata provvede la casa della Cappella per la preghiera delle Suore e delle Educande. Accanto ad essa si realizza un piccolo appartamento per il Cappellano. Con essa si rende necessario curare l’ampliamento degli edifici perché possano essere più adatti ad accogliere le persone e ad ospitare le opere che vanno sviluppandosi sempre di più.

Tre sono gli acquisti più rilevanti: la parte di casa che contiene la fontana e l’attuale cortile, la Casa Angeli e un immobile nella parte più bassa dell’Istituto.
M. Annunciata Cocchetti provvede a far costruire un passaggio sotto la strada – via Crosai – per congiungere alla casa il fabbricato di nuovo acquisto, un portico e uno sterramento per la costruzione del refettorio.

Dopo la morte di Madre Cocchetti, verrà costruito il parlatorio che si affaccia sull’attuale chiostro.

casa-cocchetti

 

LE ATTIVITA’
La foresteria ospita famiglie e gruppi per momenti di formazione e riposo. Per informazioni scrivere a cecilia@doroteedicemmo.it o telefonare allo 030/42000. La Casa della Beata Cocchetti si trova in Via Madre Annunciata Cocchetti 5 a Capo di Ponte (BS) – frazione Cemmo.

 

INVOCHIAMO ANNUNCIATA
La storia della Casa di Cemmo è anche la storia di Madre Annunciata Cocchetti, che in quel luogo impiegò il talento che il Signore le aveva affidato: nella piena fiducia dell’amore del Padre, che per primo la amò, si adoperò per l’educazione delle ragazze e delle donne della Val Camonica.
Invochiamo Madre Annunciata, affidandole le nostre preoccupazioni.
Il foglietto può essere stampato e messo nei luoghi più adatti per essere usato.
Chi vuol chiedere una preghiera o desidera comunicare una grazia ricevuta può scrivere alla mail cecilia@doroteedicemmo.it
foglio annunciata 22-2013foglio annunciata 23

 

IL LOGO
La Casa Madre delle Suore Dorotee di Cemmo, è luogo che custodisce la santità della Beata Annunciata … nel tempo le religiose hanno condiviso la spiritualità della Beata con laici e consacrate laiche.
Logo realizzato da Antonio Cereda e Armando Fettolini
Il porticato rimanda ad un luogo di preghiera (chiostro), anche di abitazione (Casa Madre), il velo rimanda alla Beata, insieme costituiscono il fulcro della dizione Casa Beata Annunicata, tre parole, come gli elementi che compongono il logo.
RELIGIOSE, LAICI E CONSACRATE LAICHE SONO TUTTI INSIEME LA FAMIGLIA DELLA BEATA ANNUNCIATA, rubando questa parole dalla lettera di invito al concorso, è scaturita l’idea di questo marchio, un percorso che parte dall’esterno verso l’interno, il passaggio da un luogo ad un altro (non solo) luogo, formazione e “trasformazione” del nostro essere cristiani.
Cristiani nuovi per generazioni nuove … nella fede.

Fotogallery

 

Visita il sito della Casa Beata Annunciata >