in festa con il… JOYFEST

Domenica 15 aprile 2018 i ragazzi delle Medie, provenienti da varie zone della diocesi di Brescia (Bovezzo, Chiari, Calcinatello, Sale di Gussago, Pendolina, Lumezzane, Chiesanuova), hanno partecipato al Joyfest presso il Centro Mater Divinae Gratiae di Brescia: una giornata all’insegna del divertimento e della preghiera preparata dalle suore dorotee di Cemmo insieme a una ventina di giovani animatori che lungo l’anno si sono incontrati al Mater ogni mese.

Il tema affrontato quest’anno è il bullismo, un argomento di alta notorietà nella società odierna sul quale è bene sensibilizzare le nuove generazioni. Il titolo del Joyfest era infatti “Facebull#ci metto la faccia: spegniamo il bullo e accendiamo il bello di noi”.

Durante la mattinata i ragazzi sono stati divisi in gruppi ed insieme hanno svolto delle attività legate ai “protagonisti” del bullismo, per cui hanno constatato il ruolo della figura del bullo, quali azioni compie e quali sono i possibili motivi che lo spingono ad agire; la figura della vittima, e infine il peso che detiene il gruppo nel contesto del bullismo, cercando di capire le ragioni per cui il gruppo sceglie di stare dalla parte del bullo o dalla parte della vittima oppure di essere totalmente indifferente. Abbiamo provato a trovare dei paralleli anche con la vicenda di Gesù, una “vittima” del tutto speciale, ma anche, in definitiva, l’”Anti-bullo” per eccellenza.

Nel corso del pomeriggio i ragazzi si sono divertiti, lanciandosi in attività di giocoleria, in cui era importante che le squadre fossero ben compattate; per esempio dovevano camminare su una fune, oppure stare in equilibrio su una palla, ovviamente aiutati dai loro compagni di squadra. Successivamente è stata celebrata la Messa da don Giovanni Lamberti, il quale ha ripreso i punti fondamentali dei laboratori eseguiti in mattinata.

È stata una giornata molto gioiosa, ma anche con grandi contenuti, in cui gli animatori e suor Silvia hanno cercato di trasmettere dei valori importanti facendo, comunque, divertire e giocare i ragazzi.

Giulia Urgnani, animatrice di Chiari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *